Chi Siamo

L’Associazione Razzismo Stop ha iniziato la sua esperienza agli inizi degli anni novanta quando il fenomeno delle migrazioni iniziava ad affacciarsi nella situazione italiana.
Ed in quel periodo è stato importante battersi perchè si iniziasse a concepire i migranti come esseri umani.
Abbiamo poi attraversato l’inizio del nuovo millenio quando i migranti, necessari per il nostro sistema produttivo in particolare a Nord est, non vedevano riconosciuti i loro diritti come cittadini.
Ora tutti viviamo in diretta, nel tempo della crisi economica, dell’aumento della povertà complessiva una fase in cui sempre più le migrazioni vengono vissute come pericolo, come qualcosa da fermare.
Le politiche securitarie, i pacchetti sicurezza trovano linfa vitale nelle contraddizioni delle nostre società.
Nella complessità di quello che può significare la convivenza nel tempo della crisi di percorsi collettivi diversi, a volte contrapposti e non di facile relazione.
Per questo la nostra sfida oggi è culturale, politica, sociale.
E’ la scommessa di costruire in modo indipendente relazioni, condivisioni di saperi in grado “disobbedire” all’egoismo e all’individualismo che si alimenta nella crisi. Costruire una pratica comune, un agire libero in grado di confrontarsi con la costruzione materiale dei diritti di cittadinanza universale.
Per questo la nostra sede è aperta a chi ha voglia di sfidare le logiche dell’esclusione, delle emergenze, delle paure iniettate nel sociale come fa la Lega per potersi garantire un ruolo di governo o come fanno partiti di destra e di sinistra per distogliere l’attenzione dalla realtà.
Non ci nascondiamo le contraddizioni, i problemi della nostra società pervasa dalle migrazioni con tutto il carico di problematiche che tutto questo comporta.
Siamo convinti che però parta da tutti noi, dalla nostra capacità di costruire azione, pensiero, iniziative la costruzione di una città diversa, di un futuro non cupo, perchè a livello globale ci sia uno sviluppo che permetta alla gente di poter avere il diritto a non migrare, perchè la scelta di muoversi sia una sceltà di libertà e perche i diritti non siano parole vuote da declamare o righe scritte che svaniscono nella realtà.
Ti aspettiamo per fare un pezzo di strada insieme ….

Annunci
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: